Contattami: 320 2623832   Email: info@dietapp.it

Dieta per sportivi

Per atleti professionisti o dilettanti, l’alimentazione si differenzia da quella di una persona sedentaria, soprattutto dal punto di vista quantitativo. Ciò non toglie che le esigenze collegate al dispendio energetico ed al recupero richiedano piccoli ma estremamente significativi adattamenti anche dal punto di vista qualitativo. Ferma rimane l’individualità dell’atleta, sia per quanto riguarda le capacità di recupero dallo sforzo, sia per quanto riguarda il dispendio energetico, per cui non esiste la “dieta del calciatore” o la “dieta del ciclista”, ma la dieta di ciascun singolo atleta.

Il nostro approccio è strutturato come segue:

• Intervento di valutazione dello stato nutrizionale e della composizione corporea attraverso misurazioni antropometriche (peso, altezza, BMI, circonferenze e plicometria) ed esami bioumorali, sia ad inizio stagione, sia periodicamente durante tutto l’anno. Lo scopo della valutazione iniziale e di quelle periodiche è quello di individuare precocemente gli eventuali squilibri tra introito e consumo calorico e valutare l’eventuale carenza di ferro o la necessità di utilizzare integratori alimentari.
• Elaborazione di una dieta personalizzata, con l’indicazione di menu differenti a seconda di quando si effettuano due allenamenti al giorno o soltanto uno, di quando si fanno sedute prevalentemente di forza oppure aerobiche o simulazioni di gara. Tale dieta, in particolar modo per quanto riguarda i metodi di cottura e l’utilizzo di condimenti, sarà da spiegare alla perfezione anche a chi si occupa della preparazione dei cibi.
• Valutazione periodica dello stato di idratazione (attraverso esame delle urine). Al momento della valutazione della composizione corporea verrà spiegata ad ogni singolo atleta l’importanza di una corretta idratazione per ottenere una performance fisica ottimale.
• Elaborazione di menu specifici per i giorni che precedono la gara, con particolare attenzione al timing, all’idratazione ed all’ottimizzazione qualitativa e quantitativa dell’alimentazione degli ultimi 2 pasti, in modo da affrontare la gara al meglio della condizione. Anche qui è inutile ribadire l’importanza di avere un rapporto di fiducia con chi si occupa di cucinare gli alimenti.
• Gestione ed educazione all’eventuale utilizzo e non abuso di integratori proteici (proteine del siero del latte), di maltodestrine, di aminoacidi ramificati, di omega 3 ed antiossidanti prima e dopo gli allenamenti o le gare.
• Valutazione periodica, in base agli esami ematici, della necessità per singoli atleti di integrazione con ferro o altri microelementi.
• La comodità di avere sempre i menu a portata di smartphone tramite DietApp. Il software nel caso di atleti di livello, viene tarato in modo da consentire cambi di alimenti non solo isocalorici, ma anche isoproteici, limitando un po’ le scelte ma consentendo all’atleta di avere comunque delle comode alternative quando si trova costretto a modificare un menu.